#ISSUE100



Dall'1 al 10 | Dall'11 al 20
Dal 21 al 30 | Dal 31 al 40 | Dal 41 al 50
Dal 51 al 60 | Dal 61 al 70
Dal 71 all'80 | Dall'81 al 90 | Dal 91 al 100

Stare insieme



Chi mi conosce sa che non sono molto incline a feste e celebrazioni. Saranno le origini liguri ma di solito sfuggo a questo genere di situazioni. Talvolta però bisogna fare delle eccezioni e l'uscita del numero 100 di Witness Journal è sicuramente una di queste. Quello che state per leggere è un numero speciale, celebrativo appunto, che ripercorre letteralmente dodici anni di vita, non solo di Witness Joiurnal, ma soprattutto delle persone, redattori, collaboratori e autori, che hanno fatto sì che un magazine a dir poco sui generis, sopravvivesse così a lungo. L'idea è dunque quella di ripercorrere questa lunga strada, condividendo ciò che i nostri lettori non sanno, ovvero il dietro alle quinte di questi primi 100 numeri, nel bene e nel male.

Sebbene l'esperienza di WJ non possa essere messa sullo stesso piano delle redazioni “vere”, le stesse da cui provenivo quando ho avuto l'idea di fondare un giornale online dedicato al fotogiornalismo e basato su un modello partecipativo, anche nel nostro caso dietro al percorso fatto per arrivare fin qui, ci sono storie e vicende che parlano di passione, ingenuità, sogni ma anche di momenti difficili, errori e grandi difficoltà, umane ed economiche. Credo che a 100 numeri di distanza dalla prima uscita, datata giugno 2007, il miglior modo per rendere omaggio all'impegno profuso da così tante persone, quasi sempre senza alcun compenso, sia proprio raccontare a grandi linee non solo i contenuti del nostro magazine ma anche tutte quelle vicende di vita che ne hanno determinato alti e bassi in questi dodici anni. Così ho deciso di raggruppare tutta la storia di WJ in dieci capitoli ,ciascuno composto da altrettanti numeri del giornale, accompagnando la loro presentazione sempre con due elementi: una breve descrizione di cosa succedeva in redazione e al gruppo di lavoro e un piccolo riassunto degli avvenimenti principali verificatisi nello stesso lasso di tempo della pubblicazione dei numeri di WJ. Spero sia un modo utile per capire quanto l'idea di stare insieme, partecipare e fare rete, che è alla base di Witness Journal sia ancora oggi un valore politico importante, fondamentale, soprattutto all'interno di un modello “globale” come quello in cui viviamo.

Personalmente non mi auguro altri 100 numeri, ma so con una buona dose di certezza che quello che state per leggere non sarà il capitolo conclusivo della storia ma semmai una sorta di passaggio del testimone alla prossima generazione di idealisti, convinti come me, che fare informazione e cultura sia l'unico antidoto contro un modello di società sempre meno inclusiva e sempre più incline all'individualismo.

Grazie a tutti, lettori, redattori e autori per aver dato forza a questa pazza idea che WJ rappresenta.


Amedeo Novelli

Next

Dall'1 al 10

Il miracolo della nascita

Leggi l'articolo

Dall'11 al 20

I dubbi adolescenziali

Leggi l'articolo

Dal 21 al 30

La meglio gioventù

Leggi l'articolo

Dal 31 al 40

L'età della consapevolezza

Leggi l'articolo

Dal 41 al 50

L'età dell'oro

Leggi l'articolo

Dal 51 al 60

La crisi di mezza età

Leggi l'articolo

Dal 61 al 70

Il valore di un'idea

Leggi l'articolo

Dal 71 all'80

Cambiar pelle

Leggi l'articolo

Dall'81 al 90

Una nuova partenza

Leggi l'articolo

Dal 91 al 100

Dal virtuale al reale

Leggi l'articolo

#100

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli
Caporedattore - Matilde Castagna
Photo editor - Giulio Di Meo

Redazione 2007/2018
Maria Adamo, Davide Barbera, Alessandro Barile, Cosimo Calabrese, Cristiano Capuano, Alessio Chiodi, Manuela Cigliutti, Francesca De Fabritiis, Matteo Dones, Valeria Ferraro, Maddalena Fiocchi, Simone Luchessa, Andrea Mancuso, Veronica Molese, Cristiano Morati, Michela Morelli, Alessandro Moriggi, Daniel Newton, Antonio Oleari, Diana Orini, Raffaello Orini, Laura Pezzenati, Stefano Pontiggia, Rosa Pugliese, Nicola Sacco, Marco Tamplenizza

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next