#ISSUE96



L’impossibilità di un’isola | Il quotidiano che non è ovvio
Winter is coming | Tirana Ekspres | Boxing Notes
Life after hell | Feeling at home

Non solo informazione

Prima di lasciarvi alla lettura delle storie che ci raccontano i sette reportage di questo mese, credo sia giusto spendere qualche minuto di tempo per raccontare anche sul nostro magazine i progetti che WJ ha appena realizzato e quelli che sono già in cantiere anche grazie ai finanziamenti ottenuti attraverso le quote associative.

Innanzitutto, dopo oltre sei mesi di lavoro sul campo e non, si è concluso con una mostra curata da Alessia Glaviano e allestita presso il Padiglione di Arte Contemporanea di Milano, il progetto “Da Zero”, ideato da Ri-Scatti Onlus e realizzato grazie ai fotografi e ai docenti di Witness Journal. La mostra, alla cui inaugurazione erano presenti anche i tredici giovani autori del liceo Capranica di Amatrice, ha permesso di raccogliere circa 20.000 euro che saranno destinati alla costruzione del nuovo centro giovani della cittadina laziale, grazie anche al contributo del comune di Bellaria. Un'esperienza importante che ha permesso di usare la fotografia sia come mezzo per documentare quante accade nel cratere del sisma a oltre un anno di distanza, sia come strumento capace di aiutare i partecipanti a rileggere e rielaborare una realtà così drasticamente cambiata.

Sempre in questi giorni a Milano si è concluso il primo corso della scuola permanente di fotografia per persone in difficoltà, realizzata grazie al supporto della Fondazione Cariplo e sempre insieme a Ri-Scatti Onlus. Un progetto importante, che mira non solo a fornire una formazione tecnica di base ma anche e soprattutto a ridare fiducia in sé stesse a persone che per diverse ragioni stanno affrontando un faticoso percorso di reinserimento sociale. Sempre a Milano, sta muovendo i primi passi un altro progetto interessante che parte da una collaborazione con la Casa Jannacci, emblema di una serie di attività legate alle periferie. Ai blocchi di partenza ci sono poi altre attività che toccheranno nei prossimi mesi temi assai caldi della nostra società come nel caso del bullismo, emblema delle nuove forme di disagio giovanile.

Dopo dieci anni di informazione “differente”, dunque, quello che stiamo provando a fare insieme oggi è affiancare al lavoro del sito e del giornale anche delle vere e proprie azioni dirette su alcuni dei temi cari a tanti degli oltre 900 reportage fin qui pubblicati. Per dare un senso a tutto quello in cui crediamo ma anche per passare letteralmente, “dalle parole ai fatti”.


Amedeo Novelli

Next

L’impossibilità di un’isola

di Marylise Vigneau

A L'Avana il tempo è un personaggio inevitabile. Distruttivo o faceto, sardonico o nostalgico, politico o immaginario, in ogni caso irriverente, il tempo estende la sua trama e la sua ombra in tutta la città

Leggi l'articolo

Il quotidiano che non è ovvio

di Sergio Ferri

La paura di coloro che sbrigativamente ed in maniera dispregiativa ancora oggi vengono chiamati “zingari” è una paura che accompagna le società europee fin dagli albori della modernità: è paura dell’altro, del diverso, del non assimilabile

Leggi l'articolo

Winter is coming

di Federico Pellicci

Temperature che sfiorano i 50 sotto zero. La capitale più fredda al mondo (Ulan Bator) con una media di meno quattro gradi. Milioni di animali morti nell’inverno del 2010. Un terzo della popolazione, su poco più di tre milioni, dedito alla pastorizia

Leggi l'articolo

Tirana Ekspres

di Andrea Chierici e Veronica Molese

Tirana Ekspres è un centro culturale avanguardistico, almeno secondo i pochi blog di viaggi sull’Albania. La realtà parla invece di una mèta introvabile e sconosciuta, probabilmente inesistente

Leggi l'articolo

Boxing Notes

di Giuseppe Cardoni

Corde, sudore, guantoni sgualciti, piedi che danzano sopra assi di legno, sogni che corrono al di là del tempo. Scatti che entrano nel cuore del pugilato, scorrendo nelle sue vene, un mondo lontano dagli sfarzi del Medison Square Garden, dal professionismo e da tutto ciò che ne è attorno

Leggi l'articolo

Life after hell

di Marco Panzetti

Attraverso una narrazione collettiva fatta di ritratti, testimonianze e scene di vita comune raccolti in vari centri d'accoglienza in Italia, il progetto mira a restituire nomi, voci e volti a chi scappa da guerre, miseria e ingiustizie

Leggi l'articolo

Feeling at home

Fotografie di Andrea Borgarello

La casa è, per definizione, quel luogo in cui troviamo rifugio e protezione, quel luogo che definisce la relazione tra l'intimità del nostro io e la fattualità del mondo esterno

Leggi l'articolo

#96

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli
Caporedattore - Matilde Castagna
Photo editor - Giulio Di Meo

Redazione
Davide Barbera, Cosimo Calabrese, Cristiano Capuano, Alessio Chiodi, Valeria Ferraro, Simone Luchessa, Andrea Mancuso, Veronica Molese, Michela Morelli, Antonio Oleari, Laura Pezzenati, Stefano Pontiggia

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next