#ISSUE94



Sicarios | Mama | Sant'Elena
Braceros | L'esodo dei Rohingya | La Ruta del Che
Voices of the voiceless | La fotografia documentaria

L'anno che verrà

A voler essere un po' cinici l'anno che sta per cominciare sarà probabilmente un anno ricchissimo di opportunità per il fotogiornalismo in tutto il mondo. Il 2017 si chiude infatti con una situazione geopolitica che era difficile da prevedere anche solo 12 mesi fa e in cui, per la prima volta dal dopoguerra, gli Stati Uniti sembrano essersi sfilati dal ruolo di capofila del cosiddetto blocco occidentale. Niente più accordi di Parigi sul clima, una politica estera spesso controcorrente rispetto a quella dei suoi alleati storici, progressivo disimpegno dall'ONU e dalle sue agenzie (vedi Unesco) e, dulcis in fundo, l'attuazione di quel concetto di “America first” che si concretizza in un generale atteggiamento di chiusura verso qualsiasi cosa vada in qualche modo contro l'interesse nazionale, almeno in apparenza. Al trumpismo fa da contraltare un'Europa che se da un lato riesce a tenere dritta la barra almeno sui principi, dall'altro è messa in difficoltà da venti sempre più forti di intolleranza e razzismo, con un blocco dell'Est che non sembra volersi affatto conformare ai principi che hanno ispirato fino ad oggi le politiche dell'Unione. La crisi economica dal canto suo, sebbene sembri allentare la sua presa, dopo dieci anni di recessione ha lasciato sul campo una società sempre meno coesa, uno stato sociale sempre più in affanno, il tutto sotto la spinta di politiche liberiste a volte inique e, più in generale di quell'austerity tanto cara ai mercati finanziari e che di fatto ha finito per alimentare il diffuso populismo anti europeo.

L'Italia, che ha appena festeggiato i 70 anni della sua carta costituzionale si trova così davanti a grandi sfide a cominciare dalle prossime elezioni politiche che si annunciano particolarmente delicate anche per il clima che le accompagna, caratterizzato anche dall'intolleranza di una destra xenofoba che non ha più paura di uscire allo scoperto, come dimostrato dai tanti episodi di cronaca di questi mesi. Nel Paese in cui un governo di sinistra, non ha avuto il coraggio di approvare una legge come lo ius soli, che pure aveva proposto, sacrificando sull'altare del calcolo politico un gesto di civiltà nei confronti di quei ragazzi che sono già italiani al cento percento sotto ogni aspetto, tranne che per quello burocratico, chi ha a cuore l'idea di un mondo più giusto, equo e solidale che continui a basarsi sui principi della nostra Costituzione o, se preferite, su quelli della cultura cattolica, per i prossimi dodici mesi non avrà altra scelta che impegnarsi attivamente a casa, a scuola o sul posto di lavoro, con la politica più importante, quella che si fa attraverso le scelte che si compiono tutti i giorni. Buon 2018!


Amedeo Novelli

Next

Sicarios

di Michele Crameri

Quello del sicario è un mestiere ambito, temuto e rispettato nei contesti criminali latinoamericani, e la ferocia, la spavalderia e lo spregio del pericolo rappresentano i piloni portanti della narrazione e della costruzione simbolica della vida loca

Leggi l'articolo

Mama

di Carlotta Magliocco

Mama in georgiano significa “papà”. E’ l’unica lingua in cui questo suono ancestrale viene associato ad una figura paterna anziché materna; il progetto di Carlotta Magliocco è dedicato agli uomini del villaggio di Shenako

Leggi l'articolo

Sant'Elena

di Antonio Oleari

Un’isola, i suoi abitanti, il mare, la storia. Il mondo che cambia

Leggi l'articolo

Braceros

di Maurizio Faraboni

A buio fatto, nei baracconi dei bateyes, i braceros sognano il giorno in cui potranno tornare dalle loro famiglie ad Haiti. Solo pochi di loro ce la faranno

Leggi l'articolo

L'esodo dei Rohingya

di Erberto Zani

I Rohingya sono una minoranza musulmana del Myanmar, costantemente perseguitati dalle autorità buddiste. L’unica speranza che rimane a queste persone è fuggire dalle violenze e dai soprusi attraversando montagne, fiumi e risaie. Erberto Zani ha raccontato il loro viaggio verso il vicino Bangladesh

Leggi l'articolo

La Ruta del Che

di Autori vari

A cinquant’anni dall’uccisione del Che, un workshop fotografico ripercorre le orme del pensiero guevarista dell'hombre nuevo, solidale, disponibile e pronto a mettersi in gioco

Leggi l'articolo

Voices of the voiceless

Fotografie di Autori vari

"L’Africa è uno stato mentale, io lavoro in Europa, ma sogno in Africa", Samuel Eto’o

Leggi l'articolo

La fotografia documentaria

di Alessio Chiodi

In occasione del terzo degli incontri fotografici organizzati da Sony Italia alla Villa Reale di Monza e legati alla mostra Sony World Photography Awards, Witness Journal ha incontrato Davide Monteleone

Leggi l'articolo

#94

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli
Caporedattore - Matilde Castagna
Photo editor - Giulio Di Meo

Redazione
Davide Barbera, Cosimo Calabrese, Cristiano Capuano, Valeria Ferraro, Simone Luchessa, Andrea Mancuso, Veronica Molese, Michela Morelli, Antonio Oleari, Laura Pezzenati

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next