#ISSUE93



Made in Korea | Night shift | L'oro del mulino
Io non sono qui | South, oil and magic | The Trustful Youth
Broken Screen | Consapevolezza

La solitudine del reporter 2.0

La decisione di premiare Kissing death, il lavoro realizzato dopo la presa di Mosul da Ali Arkady, con il prestigioso riconoscimento Bayeux-Calvados, come facilmente prevedibile ha fatto scoppiare una nuova polemica sull'etica del fotogiornalismo. Il reporter curdo iracheno, per chi non lo sapesse, ha realizzato il servizio in questione mentre era “embedded” all'ERD, la Emergency Response Division, unità anti-terrorismo del governo di Baghdad, di cui ha documentato le torture, la giustizia sommaria, gli stupri e le altre terribili violenze ai danni della popolazione civile di Mosul nel 2016, ossia dopo la sua riconquista. Immagini dure e crudissime la cui pubblicazione ha permesso di denunciare al mondo intero l'altra faccia della guerra di liberazione. Un'esperienza professionale, se così si può dire, terribile che ha reso Ali Arkady ostaggio di un esercito di aguzzini e, in almeno due occasioni forzatamente complice, di una serie di violazioni dei diritti civili e crimini di guerra, compiuti dagli “eroi” della guerra all'Isis.

Ali Arkady, oggi esule oltreoceano, e il suo lavoro Kissing death, forse, più che delle polemiche a seguito di un premio meritano una riflessione più attenta sia sul piano politico, sia su quello dell'informazione. La prima anomalia di questi ultimi anni di conflitti, infatti, è la comparsa sugli scenari di guerra non più di eserciti regolari bensì di gruppi armati di varia natura, spesso anche mercenari, ma che, a seconda dei casi, possono contare sul supporto strategico e militare delle aviazioni e delle artiglierie statunitensi e russe. Dopo le migliaia di caduti in Iraq e Afghanistan i governi occidentali hanno dunque risolto la questione opinione pubblica lasciando campo libero e potere militare ad eserciti locali che molto probabilmente non sanno nemmeno cosa sia la convenzione di Ginevra. La conseguenza è il ritorno a una guerra sporca, fatta anche dalle torture documentate da Ali Arkady. In uno scenario simile appare quindi normale, quasi logico, che la “fedeltà alla causa” del reporter curdo iracheno sia stata messa alla prova obbligandolo a partecipare a violenze e pestaggi, come lui stesso ha raccontato, pena il rischio della propria vita.

Situazioni senza via d'uscita come questa, possono capitare quando tutte le regole del gioco sono saltate e in prima linea non viene spedito un reporter internazionale ed esperto con alle spalle l'appoggio di una grande agenzia o di una testata giornalistica, ma uno “stringer”, ossia un freelance locale che collabora più o meno saltuariamente come inviato e che di fatto rappresenta solo se stesso. Se proprio si vuole parlare di qualcosa, dunque, meglio lasciar perdere l'etica della fotografia, che non è parte in causa in questa storia se non marginalmente, e concentrarsi su un'industria dell'informazione che si è adeguata in fretta a questi nuovi scenari e si comporta esattamente come gli stati maggiori che lasciano le proprie truppe a casa delegando agli eserciti locali la conquista del territorio. Ali Arkady, infatti, non ha mai lavorato su incarico per l'agenzia VII, cui semplicemente proponeva servizi e news dai fronti di guerra iracheni. Ali Arkady era terribilmente solo come tutti i reporter di questo fantomatico giornalismo 2.0


Amedeo Novelli

Next

Made in Korea

di Filippo Venturi

La Corea del sud è uno dei Paesi più sviluppati al mondo. Ma dietro a questo successo c’è una società oppressa dal conformismo e dall’ossessione della perfezione

Leggi l'articolo

Night shift

di Michele Cimini

Questo lavoro nasce dalla necessità di raccontare le notti, lunghe e solitarie, trascorse in fabbrica. Da quando l'azienda è andata in crisi, il mio compito è garantire un presidio di controllo in attesa che gli impianti riprendano a funzionare

Leggi l'articolo

L'oro del mulino

di Cristina Corsi e Antonio Lorenzini

C’è un luogo alle pendici del Pratomagno, in Valdarno, dove l’acqua del torrente Ciuffenna scava il suo cammino da secoli e si fa strada tra le turbine di un vecchio mulino

Leggi l'articolo

Io non sono qui

di Matteo Signanini

Un racconto collettivo narrato attraverso gli occhi dei protagonisti. Uno sguardo nell'intimità delle loro vite, un viaggio fotografico che corre lungo muri di cemento, spingendosi oltre

Leggi l'articolo

South, oil and magic

di Emanuele Gaudioso

Viggiano, Basilicata. La più grande piattaforma di estrazione petrolifera d'Europa si estende per oltre millequattrocento chilometri quadrati, ai piedi del Sacro Monte e del santuario della Madonna Nera; nera come "l'oro" che scorre e ribolle nel sottosuolo della Val d'Agri

Leggi l'articolo

The Trustful Youth

di Michele Vino

Secondo Ho Chi Mihn, la debolezza e la forza di una nazione dipendono dai giovani. Oggi più che mai, il Vietnam riflette queste sue parole e le traduce in un futuro già prossimo

Leggi l'articolo

Broken Screen

Fotografie di Gaia Squarci

"Quando stai perdendo la vista, il mondo inizia ad apparire frammentato come attraverso uno schermo rotto", Dale Layne

Leggi l'articolo

Consapevolezza

di Antonio Oleari

Per il primo degli incontri fotografici organizzati da Sony Italia alla Villa Reale di Monza e legati alla mostra Sony World Photography Awards, Witness Journal ha incontrato Alessandro Grassani

Leggi l'articolo

#93

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli
Caporedattore - Matilde Castagna
Photo editor - Giulio Di Meo

Redazione
Davide Barbera, Cosimo Calabrese, Cristiano Capuano, Valeria Ferraro, Simone Luchessa, Andrea Mancuso, Veronica Molese, Michela Morelli, Antonio Oleari, Laura Pezzenati

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next