#ISSUE92



Ortega's Nicaragua | Dietro le quinte | Left behind
Limbus | Around the river | Quebra vento
I santi di creta | Soplillar | Melissa

Lo strano caso di Fabio Vettorel

Diciotto anni di vita di cui gli ultimi due mesi trascorsi dietro le sbarre di un carcere di Amburgo a seguito del fermo di polizia avvenuto dopo gli scontri durante le manifestazioni anti G20. La situazione giudiziaria di Fabio Vettorel non è ancora chiara: non esiste un mandato preciso, né accuse ben definite. Secondo il tribunale tedesco però il diciottenne di Feltre sarebbe “predisposto alla violenza” e avrebbe subito “carenze educative”. Detto che questi tratti non giustificano di per sé l'attuale stato di fermo e la custodia cautelare in carcere, a fare impressione è il fatto che il tribunale non abbia nemmeno predisposto una perizia psicologica atta a provare queste affermazioni che al momento sono dunque semplici illazioni. Poco importa anche che le uniche prove rese note a supporto della presunta condotta violenta di Fabio durante le proteste del G20, ossia i video girati dalla polizia tedesca, mostrino il nostro connazionale mentre cammina e si ferma a raccogliere un oggetto da terra a pochi metri da un cordone di polizia, in tutta calma e senza nessun atteggiamento violento o provocatorio.

Ad essersi accorti delle anomalie di questa vicenda giudiziaria non è la stampa italiana, che con poche eccezioni si è limitata a qualche pezzo di cronaca, ma quella tedesca. Adr, il principale canale televisivo della Germania, ha realizzato uno speciale sul caso di Fabio, andando a intervistarlo in carcere e mettendo in luce le anomalie della sua vicenda giudiziaria. L'impressione, secondo molti opinionisti tedeschi, è che Fabio sconti l'effetto del clima politico creato anche delle dichiarazioni del sindaco di Amburgo che fin da subito ha chiesto punizioni esemplari per coloro che si erano resi protagonisti degli scontri. Con così pochi elementi a disposizione, non è facile prendere posizione su quanto sta accadendo in Germania ma quel che è certo è che con Fabio si stanno usando pesi e misure differenti rispetto agli altri fermati, considerato che per esempio tutti quelli di nazionalità di tedesca sono stati rilasciati dopo pochi giorni.

Quello che purtroppo si può fare è constatare l'incapacità delle forze dell'ordine di operare in maniera preventiva, impedendo l'arrivo dei più violenti, uno per tutti il famigerato blocco nero, con un adeguato lavoro di intelligence tra le polizie europee. Come ho potuto personalmente testimoniare durante il G8 di Genova, a fare le spese di questa situazione, non sono solo le municipalità delle città che ospitano di volta in volta le riunioni dei grandi del mondo, ma anche tutti coloro che manifestano pacificamente e che rischiano, per colmo di paradosso, di ritrovarsi accusati di crimini commessi da altri. Speriamo che non sia questo il destino di Fabio.


Amedeo Novelli

Next

Ortega's Nicaragua

di Emanuele Giovagnoli

Un viaggio tra gli abitanti e i paesaggi del piccolo Stato, un tempo simbolo dell’opposizione all’imperialismo americano, che oggi si caratterizza per un nuovo governo dittatoriale e crescita economica

Leggi l'articolo

Dietro le quinte

di Sergey Melnitchenko

Dietro le quinte dell’obiettivo di Sergey Melnitchenko non c’è solo il backstage di un club cinese a luci rosse e blu. Ci sono persone che ridono, piangono, si accarezzano ballando e si ubriacano, cercando, cadono e si sostengono, lavorando duro una notte dopo l’altra

Leggi l'articolo

Left behind

di Gianmarco Carlone

L’emigrazione non ha un impatto solo economico e demografico, ma separa anche nuclei famigliari e costringe i figli a crescere lontano dai propri genitori. Il lavoro di Gianmarco Carlone ci porta a conoscere i “left behind” della Repubblica Moldava

Leggi l'articolo

Limbus

di Matteo Portigliatti

La storia degli scalpellini dello Zhejiang che vivono e lavorano in due piccoli centri piemontesi racconta bene la difficoltà di chi si trova, culturalmente parlando, in una sorta di terra di mezzo tra il proprio paese di origine e quello in cui ha scelto di vivere

Leggi l'articolo

Around the river

di Massimo Capocci

Un viaggio attraverso la valle, lungo le rive del fiume Sacco, uno sguardo dentro la crisi socio-economica-ambientale che attanaglia da decenni la zona circostante, nota come la terra dei veleni

Leggi l'articolo

Quebra vento

di Autori vari

Per noi italiani ed europei l'energia eolica è sinonimo di energia pulita, rinnovabile: “le pale eoliche non sono belle da vedere, ma al di là del rovinare un bel panorama non portano con sè altri danni”, pensiamo. In Brasile, negli stati di Cearà e Rio Grande do Norte, immensi parchi eolici costellano la costa battuta dal vento: per più di novecento chilometri si accumulano chilowatt di energia che verrà poi venduta in Europa

Leggi l'articolo

I santi di creta

Fotografie di Francesco Chiorazzi

Non è mai stato proclamato dalla Chiesa, non figura in nessuna delle agiografie storiche e non ha nemmeno una voce dedicata su Wikipedia, ma nessuno degli ottanta abitanti della frazione omonima, nel territorio del Comune di Chiaromonte, metterebbe mai in dubbio l'esistenza di Sant'Uopo

Leggi l'articolo

Soplillar, in toni grigi

di Michel Gustavo Martinez Guerra

Soplillar è una località che fa parte del municipio di Ciénaga de Zapata, situato a tre chilometri a est della storica Baia dei Porci, tra Playa Larga e Playa Giron. Con una popolazione residente di meno di 350 abitanti, questa comunità ha conservato, come attività economica fondamentale, la realizzazione di carbone naturale

Leggi l'articolo

Melissa

di Rory Lanzellotta

Melissa è una bambina di 9 anni affetta da tetraparesi spastica da sofferenza perinatale, questa è la sua storia

Leggi l'articolo

#92

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli
Caporedattore - Matilde Castagna
Photo editor - Giulio Di Meo

Redazione
Davide Barbera, Cosimo Calabrese, Cristiano Capuano, Valeria Ferraro, Simone Luchessa, Andrea Mancuso, Veronica Molese, Michela Morelli, Antonio Oleari, Laura Pezzenati

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next