#ISSUE80



Krisis | SOS Ecuador | Prigionieri in Etiopia
Circus Festival | Cuore bianco | Gorkha
Mangiatori di terra | La Madonna dell'arco | Quartiere Isola

Brexit

Nell'editoriale dell'ultimo numero, facendo alcune considerazioni sull'esito del referendum italiano sulle trivelle, mi ero soffermato sull'inopportunità dello strumento referendario rispetto a questioni così complesse e di così ampia portata. Ebbene, l'idea che il referendum, in quanto espressione diretta del popolo, sia il migliore degli strumenti democratici, suona ancora più sbagliata dopo quanto accaduto in Gran Bretagna con il quesito sulla permanenza di Londra nell'Unione Europea, conclusosi con la cosiddetta Brexit. Il terremoto susseguito al voto ha scosso tutti: il governo, uscito sconfitto, le opposizioni finite nel caos politico nonostante la vittoria e i cittadini che si sono letteralmente spaccati in due di fronte al quesito europeista. Non bastasse tutto questo, sono migliaia coloro che si sono pentiti di aver votato a favore dell'uscita dalla UE e milioni i cittadini del Regno Unito che già solo due giorni dopo il voto avevano sottoscritto una petizione online per annullarlo. Gli sconquassi del mercato causati dalla Brexit hanno già bruciato migliaia di milioni di Euro, ma questi primi crolli delle borse sembrano i tuoni e i lampi di una burrasca che si avvicina in lontananza. Mentre le agenzie di rating cominciano a sventolare lo spettro di una nuova recessione per l'economia britannica, le posizioni dei governi regionali di Scozia e Irlanda del Nord, che hanno votato in massa per la permanenza nell'Unione Europea, minacciano l'indipendenza da Londra. Uno scenario che solo poche settimane fa sarebbe sembrato pura fantapolitica è dunque diventato realtà “grazie” al voto popolare.

A indurre a una riflessione circa il ricorso allo strumento referendario per questioni di questo tipo, ci pensa l'analisi un po' più approfondita dei dati del voto inglese. Per prima cosa, quando si parla di maggioranza va precisato che nel caso della Brexit stiamo parlando di circa 1 milione 400 mila voti sugli oltre 33 milioni di cittadini che hanno votato: un dato che certifica un elettorato letteralmente spaccato in due. Questa stessa divisione si ritrova analizzando demograficamente il voto, con i giovani nettamente schierati per il remain e gli over 60 per il leave, dati simili a quelli relativi alla distribuzione geografica del voto che vede praticamente tutte le principali città del paese a favore della permanenza nella UE in contrapposizione alle aree rurali e a minore urbanizzazione che si sono schierate per l'uscita. Andando oltre nell'analisi dei dati si scopre, dulcis in fundo, che ad aver spinto per la Brexit sono gli elettori con la scolarizzazione più bassa.

Ricapitolando, ad aver deciso il futuro degli inglesi è stata la fascia di popolazione più anziana, con un livello culturale inferiore alla media nazionale e che non vive nelle grandi città, che sono peraltro anche il fulcro economico del Paese. Ecco perché il referendum indetto dal premier britannico Cameron è probabilmente il più grande autogol politico della storia contemporanea.

Amedeo Novelli

Next

Krisis

di Daniele Pischedda

Un progetto che esplora il rapporto tra immigrazione e integrazione a Sassari, in Sardegna dove vive una nutrita comunità di richiedenti asilo

Leggi l'articolo

SOS Ecuador

di Sebastian Castaneda

Le immagini della distruzione causata dal sisma che ha colpito l'Ecuador lo scorso aprile mettendo in ginocchio una delle aree più produttive del Paese

Leggi l'articolo

Prigionieri in Etiopia

di Carolina Paltrinieri

La drammatica esperienza dei prigionieri uomini e donne nel carcere coloniale di Adwa, in Etiopia, che vivono in una condizione di totale privazione dei più basilari diritti umani

Leggi l'articolo

Circus Festival

di Alessandra Cecchetto

Uno sguardo intimo sul mondo del circo, un racconto dell’esperienza con i circensi, nata dal desiderio di conoscere e rappresentare, senza preconcetti, la loro quotidianità e i loro sogni

Leggi l'articolo

Cuore bianco

di Camille Michel

Ummannaq in lingua groenlandese significa “a forma di cuore”. Questo nome è legato all’aspetto della sua montagna. Attorno ad essa, aggrappati alla roccia, vivono 1.282 abitanti

Leggi l'articolo

Gorkha

di Matteo Fabi

A più di un anno dal violentissimo terremoto che ha messo il Nepal in ginocchio, la ricostruzione di molte aree del Paese procede a rilento

Leggi l'articolo

Mangiatori di terra

Fotografie di Alberto Sfoggia

Nel Nordest italiano il tasso di consumo di suolo è tra i più elevati d’Italia; il cemento delle costruzioni e delle industrie continua a espandersi. Eppure, piano piano, la natura si sta riappropriando di alcuni luoghi

Leggi l'articolo

La Madonna dell'arco

di Camillo Pasquarelli

Ogni anno, durante il Lunedì in Albis, migliaia di persone prendono parte alla processione verso il Santuario della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia, una piccola cittadina alle pendici del Vesuvio

Leggi l'articolo

Quartiere Isola

di Autori vari

Il quartiere Isola, a nord del centro di Milano, deve il suo nome ai cambiamenti urbanistici che nel corso del tempo l’hanno separato dal resto della città. L’avvento di Expo 2015, il progetto di Porta Nuova, Gae Aulenti e il Bosco Verticale, hanno colmato una distanza fisica e non solo

Leggi l'articolo

#80

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli

Redazione
Giulio Di Meo, Nicola Sacco, Matilde Castagna, Luna Coppola, Martina Giordani, Cosimo Calabrese, Francesco Zanet, Stefano Pontiggia, Valeria Ferraro, Davide Barbera, Veronica Molese, Rosa Pugliese

Editore - Witness Journal APS
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next