#ISSUE75



Gennaio a Kabul | Chicas | US\74
Salaryman | Migranti | EXPO people
Oro illegale | Istanbul | Le donne dell'Argan

Appuntamento a settembre

Con questo numero di mezza estate si completa il restyling del nostro magazine che oggi è finalmente semplice da leggere su qualsiasi dispositivo, dal classico pc per arrivare agli smartphone, passando dai tablet. Naturalmente il passaggio alla nuova piattaforma è stato sfruttato anche per mettere mano alla struttura editoriale che ora ha perso l'aspetto del giornale classico, per così dire da sfogliare, ma che in compenso si è rafforzata nei contenuti, con testi più chiari, contributi estratti da articoli di approfondimento, sia nella versione italiana, sia in quella inglese e altre piccole novità. Un sforzo resosi necessario non solo per ragioni di età, WJ l'anno prossimo festeggerà l'ottavo anno di pubblicazioni, ma anche per garantire ai nostri autori un servizio migliore, una maggiore interazione e la possibilità di valorizzare ulteriormente i propri lavori, anche condividendoli in Rete. Per l'autunno ci aspettano grandi novità che, almeno nelle intenzioni, dovrebbero permettere alla nostra community di autori e lettori di partecipare ancora più attivamente al nostro progetto attraverso una nuova formula associazionistica e con l'obiettivo dichiarato di far diventare WJ sempre più un punto di riferimento per coloro che sono in cerca di un'alternativa all'informazione “mainstream” e che vogliono dare il proprio contributo in tal senso. Il velo su queste e altre novità legate alla piattaforma Witness Journal sarà tolto ufficialmente durante il prossimo Festival della Fotografia Etica di Lodi, dove redazione e autori realizzeranno una serie di iniziative. Per quanto riguarda i contenuti di questo numero 75 che vi apprestate a leggere, infine, mi sembra giusto sottolineare due lavori in particolare dei nove presenti, ma solo per il fatto che ci sono arrivati da autori stranieri, a riprova che, passo dopo passo, la nostra idea di fare informazione e fotogiornalismo funziona anche al di fuori dei confini italiani. David Tesisnsky con il suo reportage sulla vita delirante dei salaryman giapponesi e Ali Hamed Haghdoust, con il bellissimo lavoro sulla vita quotidiana realizzato nelle strade di una Kabul martoriata da anni di guerra permanente, ci fanno riflettere da una parte sul senso di una vita immolata sull'altare del lavoro e, dall'altra, su quanto fosse sbagliata l'idea di fermare la guerra con un'altra guerra.

Amedeo Novelli

Next

Gennaio a Kabul

di Ali Hamed Haghdoust

Un interessante spaccato della vita quotidiana in quello che resta di Kabul, la capitale afghana da decenni in uno stato di guerra permanente

Leggi l'articolo

Chicas

di Maciejka Alicja Art aka Maya Art

Le immagini provenienti da un angolo remoto dell'Amazzonia peruviana, a Iquitos, dove, libera dai pregiudizi, vive una piccola comunità gay

Leggi l'articolo

US\74

di Matteo Signanini

Le immagini del mondo Ultras raccontato dall'interno di una delle tifosorie “provinciali” più calde

Leggi l'articolo

Salaryman

di David Tesinsky

Frammenti di vita reale fermati in vere e proprie istantanee, ma anche scatti posati e un po' di fotoritocco per raccontare la vita del salaryman

Leggi l'articolo

Migranti

di Vincenzo Montefinese

Le immagini dei migranti ospitati a Taranto in strutture di emergenza del tutto inadeguate in attesa di una nuova destinazione

Leggi l'articolo

EXPO people

di Amedeo Novelli

Più di 400 ritratti e altrettante interviste ai visitatori di EXPO 2015 sui temi del cibo e dell'alimentazione del futuro

Leggi l'articolo

Oro Illegale

di Erberto Zani

In un'area della Colombia combatte la sua lotta per la sopravvivenza una comunità di minatori d'oro

Leggi l'articolo

Istanbul

di Gaetano Belverde

Il racconto di un viaggio dentro e fuori le strade di Istanbul, sempre piene di persone, di notte come di giorno

Leggi l'articolo

Le donne dell'Argan

di Marco Marucci

La storia delle piccole cooperative di donne che in Marocco si occupano della produzione del prezioso olio d'argan

Leggi l'articolo

#75

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli

Redazione
Cristiano Morati, Giulio Di Meo, Nicola Sacco, Diana Orini, Rosa Pugliese, Matilde Castagna, Luna Coppola, Martina Giordani, Cosimo Calabrese, Francesco Zanet

Traduzioni - Dan Newton

Editore - My-Loft S.r.l.
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next