#ISSUE74



Diario persiano | Prèfiche in Mani | Tre matrimoni
Forza Nepal | Forestieri | Albini
La linea sulla mappa | Oltre il confine | Shar-Bafi

Tragedia greca

Mentre scrivo, i negoziati tra Unione Europea e Grecia stanno vivendo la loro fase più drammatica con ultimatum, minacce più o meno velate e fortissime tensioni politiche, economiche e sociali. Lo scontro in atto a Bruxelles e Francoforte divide in falchi e colombe non solo i politici ma anche i cittadini, gli europei. Basta dare un occhio ai social e ai principali siti di informazione dei paesi membri dell'UE per capire come queste due fazioni esistano, seppur in proporzioni differenti tra loro, all'interno di ogni singolo stato, dalla potente Germania alla piccola Grecia. Tra le persone per così dire normali si discute tutti i giorni di dati tecnici senza probabilmente capirne del tutto il significato, prendendo posizione in favore del rigore economico, piuttosto che della solidarietà verso una nazione ormai vicina all'emergenza umanitaria. A confrontarsi e scontrarsi sono due visioni del mondo e dell'Europa completamente diverse. La prima è quella del rigore e dell'austerità, guidata da Paesi certamente virtuosi ma che di fatto difendono la propria posizione di supremazia economica. La seconda è quella di coloro che pensano all'Europa come progetto politico e sociale e che si rifiutano di accettare che a dettare le regole del gioco siano solo la finanza e i mercati, convinti ancora di più in tal senso dai disastrosi effetti prodotti in Grecia dalla prima cura della Troika. In questo scenario, dunque, la questione ellenica è diventata lo spartiacque tra due idee di Europa in forte contrapposizione perché basate su ideali molto differenti. Ciò che lascia più sbalorditi è che tutto questo non è successo in una notte ma nell'arco di almeno dieci anni nell'indifferenza di Bruxelles, rimasta cieca e sorda di fronte a ciò che la sua politica stava producendo nelle vite dei cittadini europei. La classe dirigente è arrivata a questo appuntamento con la storia completamente impreparata e anche ora, di fronte al dilagare dei movimenti anti europeisti in Italia, in Francia, in Spagna, in Irlanda e in numerosi altri Paesi, non sembra in grado di fornire quelle risposte capaci di rilanciare il progetto europeo. Ecco perché al di là dell'epilogo della questione greca, se non si vuole andare incontro a una progressiva disgregazione dell'Unione, è bene che nelle agende politiche trovino spazio quanto prima non solo le questioni legate ai temi economici ma anche quelle connesse alla fondazione di una Europa vera, di un progetto in cui credere e da sviluppare insieme e che non tenga conto solo dell'economia ma anche delle persone.

Amedeo Novelli

Next

Diario persiano

di Filippo Massellani

Le immagini di una Teheran notturna molto diversa da quella austera dell'oligarchia religiosa che governa il Paese da tanti anni

Leggi l'articolo

Prèfiche in Mani

di Ugo Panella

I riti funerari antichissimi della regione di Mani permettono di scoprire un angolo di Europa che sembra essersi perso nel tempo

Leggi l'articolo

Tre matrimoni

di Elena del Estal

Alla scoperta della comunità Newa, nella valle di Kathmandu, Nepal, dove una cultura ancestrale continua a sopravvivere alla modernità

Leggi l'articolo

Forza Nepal

di Maurizio Moretti

Il terremoto in Nepal visto attraverso gli occhi e le fotografie di due bambini. Per non dimenticarsi di un'emergenza destinata a durare ancora

Leggi l'articolo

Forestieri

di Umberto Verdoliva

La vita, nomade per necessità, di chi lavora sui cantieri delle grandi opere. Senza fissa dimora sui generis che pochi conoscono

Leggi l'articolo

Albini

di Giacomo Pietro Mignani

L'albinismo in Tanzania non uccide solo per motivi connessi alla salute ma anche per ignoranza e pregiudizio

Leggi l'articolo

La linea sulla mappa

di Ignacio Evangelista

Le immagini del confine che separa Messico e Stai Uniti sono il punto di partenza per una riflessione sul significato della parola confine

Leggi l'articolo

Oltre il confine

di Stefano Guidi

Ventimiglia è solo l'ultimo dei teatri dove va in scena la tragedia dei migranti e dei profughi, rimpallati tra uno stato e l'altro in modo vergognoso

Leggi l'articolo

Shar-Bafi

di Davide Palmisano

Le immagini suggestive di un laboratorio tessile dove gli artigiani lavorano ancora oggi secondo tecniche antichissime

Leggi l'articolo

#74

Witness Journal
Registrazione Tribunale di Milano
n. 257 del 16.04.2007

Direttore responsabile - Amedeo Novelli

Redazione
Cristiano Morati, Giulio Di Meo, Nicola Sacco, Diana Orini, Rosa Pugliese, Matilde Castagna, Luna Coppola, Martina Giordani, Cosimo Calabrese, Francesco Zanet

Traduzioni - Dan Newton

Editore - My-Loft S.r.l.
Provider - KOLST


COME PARTECIPARE
Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.

Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
a) l'originalità delle opere
b) la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
c) le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi
Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume inoltre ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.

Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
1) da 15 a 30 immagini (i file originali con i dati EXIF)
2) un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi di parte. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.

Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione.

Next